Associazione Istruzione Unita Scuola-Sindacato Autonomo

Sede Nazionale: Via Olona n.19-20123 Milano Info+390239810868 o 3466872531


venerdì 13 gennaio 2017

Permessi di lavoro retribuiti per assistenza e malattia

Come e quando richiedere permessi di lavoro anche prolungati e retribuiti per assistere un familiare affetto da grave infermità e per altri gravi motivi personali.
 
Il dipendente del  pubblico o del privato ha diritto a una serie di permessi di lavoro giustificati e di  periodi di assenza retribuiti o non, più o meno brevi. Di seguito, una panoramica completa per ciascun caso.
Permesso di 3 giorni
Il lavoratore ha diritto a 3 giorni di permesso retribuiti nel corso di un anno per motivi specifici come il decesso o grave infermità del coniuge (anche se legalmente separato) e del parente entro il secondo grado, anche se non convivente. Nel computo non rientrano le festività e i giorni non lavorativi. Sono cumulabili con i permessi concessi ai sensi della Legge 104. Possono essere utilizzati entro 7 giorni dall’evento che motiva la richiesta, ma se si può concordare la fruizione frazionata. Nel caso di decesso del coniuge o di un parente il lavoratore deve presentare una dichiarazione sostitutiva, mentre in caso di grave infermità la certificazione sanitaria di un medico del SSN, da presentare entro 5 giorni dal rientro al lavoro. Possono esserci anche motivi personali particolari (non specificati) che spingono il lavoratore a chiedere il permesso: si rimette alla discrezionalità del datore di lavoro valutarne le legittimità.
Permessi biennali 
I congedi biennali retribuiti sono stati disciplinati inizialmente dalla Legge n. 388/2000 che ha previsto questa possibilità per i genitori di persone con grave handicap. In seguito il decreto n. 119 /2001 ha fissato ulteriori condizioni. Da ultimo la sentenza della Corte Costituzionale (18 luglio 2013, n. 203) ha allargato la platea dei beneficiari
 °    coniuge coniuge convivente della persona disabile (non ricoverato a tempo pieno);
  • padre o madre, anche adottivi o affidatari, del disabile in caso di mancanza (assenza, divorzio, separazione legale o abbandono), decesso o in presenza di patologie invalidanti del coniuge convivente (la convivenza deve essere accertata);
  • uno dei figli (fratelli o sorelle) conviventi della persona disabile, nel caso in cui il coniuge convivente ed entrambi i genitori del disabile siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti;
  • un parente o affine di terzo grado convivente del disabile nel caso in cui il coniuge convivente, entrambi i genitori, i figli e i fratelli o sorelle conviventi siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti.
    L’INPS ha precisato che il familiare del lavoratore disabile può beneficiare del congedo biennale retribuito a parte dello stesso disabile (messaggio n. 24705 del 30/12/2001).
    Al lavoratore viene erogata, per  il periodo del congedo (coperto da contribuzione figurativa), un’indennità che corrisponde all’ultima retribuzione. A corrisponderla è il datore di lavoro che la anticipa e poi la detrae dai contributi previdenziali che versa all’INPS. Durante il periodo di congedo bnon si maturano ferie, tredicesima e TFR. Il congedo non può superare la durata totale di due anni per ogni persona portatrice di handicap e nell’arco della vita lavorativa. La richiesta segue specifiche istruzioni a seconda del richiedente.
  • Dipendente pubblico: occorre presentare un’autocertificazione con stato di handicap, parentela con la persona da assistere, convivenza, dati anagrafici del lavoratore e del disabile, insieme alla certificazione di handicap grave; la domanda si presenta al dirigente responsabile.
  • Lavoratori assicurati INPS: si presenta un’autocertificazione sulla base di moduli previsti sul sito dell’INPS o presso le sedi territoriali in cui sono indicati precisi elementi come lo stato di handicap (con il certificato medico redatto ai sensi dell’articolo 3, comma 3 della Legge n. 104/1992), la parentela con la persona da assistere, i dati anagrafici e quelli del lavoratore; la domanda si presenta all’INPS tramite il sito dell’istituto dotati di PIN, patronati o Contact Center multicanale (numero verde 803164).
    Congedo parentale esteso
    Il D.Lgs. 151/2001, agli art. 47 e segg. disciplina il congedo parentale fino ai 3 anni di età del figlio, in caso di grave malattia, per entrambi i genitori alternativamente. Fino agli 8 anni, invece, ciascun genitore può assentarsi a turno per 5 giorni l’anno. In caso di adozione, il congedo può essere prolungato fino ai 6 anni (fino ai 12, è fruibile per i primi tre anni di adozione o affidamento). Questi congedi non sono soggetti a visite fiscali e il datore di lavoro deve obbligatoriamente concederli. La malattia deve essere documentata con invio telematico all’INPS e al datore di lavoro. Durante il congedo si matura la retribuzione ed anche i contributi previdenziali ai fini pensionistici ma non le ferie nè la tredicesima.
    Contributi per baby-sitting o servizi per l'infanzia
    In cosa consiste il contributo economico utilizzabile, in alternativa al congedo parentale, per il servizio di baby-sitting e come accedervi.
    Permessi non retribuiti
    È possibile fruire del congedo biennale non retribuito per gravi motivi familiari (Legge 53/2000). Il congedo può essere richiesto dal dipendente pubblico o privato, è pari a due anni nell’arco della vita lavorativa e può essere utilizzato anche in modo frazionato. Durante tale periodo conserva il posto di lavoro ma non il diritto alla retribuzione, né può svolgere alcun tipo di attività lavorativa. I gravi motivi per cui è richiesto il congedo sono (Decreto Ministeriale 278/2000):
  • necessità derivanti dal decesso di un familiare;
  • situazioni che comportano un impegno particolare del dipendente o della propria famiglia nella cura o nell’assistenza di familiari;
  • situazioni di grave disagio personale, ad esclusione della malattia, nelle quali incorra il dipendente medesimo.
    Sono inoltre considerate “gravi motivi” le situazioni, escluse quelle che riguardano direttamente il lavoratore richiedente, derivanti dalle seguenti patologie:
  • patologie acute o croniche che determinano temporanea o permanente riduzione o perdita dell’autonomia personale (incluse le affezioni croniche di natura congenita, reumatica, neoplastica, infettiva, dismetabolica, post-traumatica, neurologica, neuromuscolare, psichiatrica, derivanti da dipendenze, a carattere evolutivo o soggette a riacutizzazioni periodiche);
  • patologie acute o croniche che richiedono assistenza continuativa o frequenti monitoraggi clinici, ematochimici e strumentali;
  • patologie acute o croniche che richiedono la partecipazione attiva del familiare nel trattamento sanitario;
  • patologie dell’infanzia e dell’età evolutiva per le quali il programma terapeutico e riabilitativo richieda il coinvolgimento dei genitori o del soggetto che esercita la responsabilità genitoriale.
    Questi motivi devono riguardare: coniuge, figli anche adottivi, genitori, generi e nuore, suoceri, fratelli e sorelle anche non conviventi, portatori di handicap parenti o affini entro il terzo grado. Il congedo può essere richiesto anche per i componenti della famiglia anagrafica indipendentemente dal grado di parentela, quindi anche in caso di famiglia di fatto.
    Richiesta
    Occorre allegare la certificazione rilasciata da un medico specialista del SSN o convenzionato. La domanda si presenta tramite autocertificazione al datore di lavoro che, entro 10 giorni, deve dare l’esito della richiesta potendo anche rigettarla. Occorre però motivare il diniego sulla base di ragioni organizzative e produttive che non consentono la sostituzione del dipendente, che può anche fare una nuova richiesta nei successivi 20 giorni

mercoledì 25 giugno 2014

martedì 4 ottobre 2011

Fondo per i diritti e le Pari Opportunità destinato alle persone con disabilità



E’ di 5,350 milioni di euro l’ammontare delle risorse destinate a due avvisi emanati dal Dipartimento delle Pari opportunità per interventi a favore delle persone disabili. Il primo avviso, cui sono riservati 350mila euro, prevede l’assegnazione di contributi, a favore di studiosi laureati con disabilità, inseriti in percorsi di ricerca ufficiali. Il secondo avviso, pari a 5 milioni di euro, intende finanziare progetti diretti a valorizzare ed accrescere le capacità delle persone con disabilità attraverso la fruizione e la pratica delle discipline sportive ed artistiche.

Leggi Dossier “Dal Fondo per le politiche relative ai diritti e le Pari Opportunità contributi a favore dei disabili”


 

lunedì 22 novembre 2010

Ministro Gelmini a Salerno parla del Governo, della Scuola, della Carfagna e delle contestazioni


Un presidio dei precari della scuola ha accolto il Ministro Gelmini oggi a Salerno in occasione del quarto convegno nazionale dei "Democratico cristiani" nel Pdl. I manifestanti che hanno portato striscioni e bandiere, hanno contestato i tagli alla scuola pubblica.
Il ministro ha raggiunto il salone dove si celebrava il convegno da un ingresso secondario della struttura alberghiera.

"Hanno tutto il diritto di protestare, di esprimere posizioni diverse. Resta un fatto però che il futuro del Paese debba passare dalla capacità e dal coraggio di mettere mano all'istruzione, alla scuola, all'università".

E' quanto ha dichiarato il ministro dell'istruzione Maria Stella Gelmini ai giornalisti che le ricordavano che all'esterno della struttura alberghiera c’era stata la protesta dei precari della scuola. (da http://www.salernonotizie.it/)

sabato 16 ottobre 2010

Istruzione: consegnate 10 borse di studio “Maria Pia Mioni”



Iannone: “Avanti i più meritevoli

Sono state conferite questa mattina, presso il Salone Bottiglieri di Palazzo Sant’Agostino, dieci borse di studio, del valore di 1000 euro ciascuna, ad altrettanti studenti meritevoli nel campo delle discipline letterarie e storiche delle scuole medie superiori della provincia di Salerno.

Il “Premio Mioni”, istituito dalla Giunta provinciale in seguito alla donazione dell’ingegnere Antonio Picardi, su espresse volontà della moglie, la professoressa Maria Pia Mioni, ha premiato i dieci migliori studenti che nell’anno scolastico 2009/2010 hanno frequentato gli istituti in cui
ha insegnato durante la sua carriera scolastica. «E’ un esempio di attaccamento alle istituzioni scolastiche espresso dalla professoressa Mioni in seguito ad una borsa di studio che lei stessa ricevette in giovane età.Come Provincia di Salerno – ha dichiarato l’Assessore al Diritto allo , Antonio Iannone – siamo impegnati a superare i problemi relativi all’accesso scolastico e a non perdere la cultura del merito. Gli studenti più bravi devono andare avanti e sentire la vicinanza delle istituzioni, per questo come assessorato, nel 2011, conferiremo almeno 50 borse di studio del valore di 1000 euro, creando un’apposita iniziativa “Premiamo il merito”».
Alla cerimonia hanno preso parte:
il dirigente di settore, avv. Alfonso Longobardi, il funzionario Fabio Apicella e Alessandro Schillaci, Presidente della Commissione provinciale Istruzione e Diritto allo studio.
I vincitori della borsa di studio sono:
Gennaro Ferrentino (ITC Della Corte – Cava de’ Tirreni),
Ilaria Perito (ITC Besta – Battipaglia), Sofia Stanzione (LS Regina Margherita – Salerno),
Marta Belmonte (LS Severi - Salerno),
Julia Nepokrytykh (ISA Filiberto Menna – Salerno),
Immacolata Damato (ITC Genovesi – Salerno),
Luca Rago (ITIS Focaccia – Salerno),
Alberto Rossin (ITC Amendola – Salerno),
Salvatore Memoli (ITG Di Palo – Salerno),
Piergiorgio Turco (LG Tasso – Salerno).

domenica 12 settembre 2010

USR per la Campania UfficioXV - Ambito Territoriale per la provincia di Salerno - News

Clicca sul titolo per visualizzare il testo della notizia o il
documento

379 11.09.2010
Personale ATA - Disponibilità incarichi a T.D. A.A. A.T. e Guardarobieri
378 11.09.2010
Assegnazioni/utilizzazioni docenti scuola dell'infanzia
377 10.09.2010
Bando di concorso Prefettura Salerno assegnazione alloggi in locazione
376 10.09.2010
Assegnazioni/utilizzazioni e sostegno docenti scuola sec. II grado - RETTIFICHE
375 10.09.2010
Assegnazioni docenti scuola sec. I grado - Lingua Inglese RETTIFICA
374 10.09.2010
Utilizzazioni/Assegnazioni docenti scuola sec. I grado - A059 Matematica
373 10.09.2010
Utilizzazioni/Assegnazioni docenti scuola sec. I grado - A043 Lettere
372 10.09.2010
Trasmissione dati al MEF seconda posizione economica - personale ATA
371 10.09.2010
Assegnazione sede provvisoria neo assunti - scuola dell'infanzia
370 09.09.2010
Utilizzazioni lingua Inglese scuola sec. I grado
369 09.09.2010
Rettifiche utilizzazioni docenti scuola sec. I grado
368 09.09.2010
Piano istituzione posti di sostegno - a.s. 2010/2011 - RETTIFICHE
367 09.09.2010
Pers.ATA - differimento calendario convocazioni nomine a tempo determinato
366 09.09.2010
Utilizzazioni su sostegno personale docente scuola secondaria II grado
365 09.09.2010
assegnazioni provvisorie sostegno sc. second. di I grado
364 08.09.2010
Piano istituzione posti di sostegno - a.s. 2010/2011
363 08.09.2010
Contratti da stipulare beneficiari L.68/99 - personale ATA
362 08.09.2010
Graduatorie provinciali definitive personale ATA - RETTIFICHE
361 08.09.2010
Calendario convocazioni contratti a T.I. - DSGA personale ATA
360 07.09.2010
Utilizzazioni docenti scuola secondaria di II grado - RETTIFICHE
359 07.09.2010
Contratti da stipulare beneficiari L.68/99 - personale ATA
358 07.09.2010
Graduatorie provinciali definitive personale ATA - Rettifiche
357 06.09.2010
Intervento formativo rivolto agli assistenti ammi.vi (ATA)
356
06.09.2010
Calendario convocazioni a t.d. personale ATA
355 06.09.2010
Stipula contratti a t.i. personale docente - Convocazioni
354 06.09.2010
Iniziativa Società italiana di Medicina Emergenza
353 06.09.2010
Esposizione bandiere da 7 al 9 settembre 2010
352 06.09.2010
Determinazione posti personale ATA a t.d. da conferire a beneficiari L.68/99
351 03.09.2010
Utilizzazioni docenti scuola secondaria di II grado - RETTIFICHE
350 03.09.2010
Attribuzione seconda posizione economica Area B Personale ATA - Comunicazione risultati
349 03.09.2010
Istituzioni scolastiche prive di Dirigenti - NOTA OPERATIVA
348 03.09.2010
Ottimizzazioni personale docente scuola secondaria I grado - RETTIFICHE
347 02.09.2010
Utilizzazioni docenti scuola secondaria di II grado - INTEGRAZIONI
346 02.09.2010
Personale ATA - Istituzioni scolastiche prive di personale
345 02.09.2010
Decreto n.11393 del 1°.09.2010 utilizzazioni docenti DOS - RETTIFICA
344 01.09.2010
Conferma provvisoria per contratti a t.d. - personale ATA
343 01.09.2010
Utilizzazioni docenti scuola secondaria di II grado . a.s.2010/2011

Per saperne di più, clicca QUi

martedì 25 maggio 2010

Energie rinnovabili e risparmio energetico: avviso di finanziamento


Le amministrazioni pubbliche della Campania, Calabria, Puglia e Sicilia potranno chiedere un finanziamento per la realizzazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili su edifici di loro proprietà.

Lo prevede un bando del Ministero dello Sviluppo Economico che ha l'obiettivo di aumentare la quota di energia consumata derivante da fonti rinnovabili ed a migliorare l'efficienza energetica, promuovendo opportunità di sviluppo locale.